fbpx
  • Maserati, la prima italiana in Formula E dal 2023. Per il Tridente futuro elettrico su strada e in pista

    La Maserati ritorna alle competizioni scegliendo la Formula E per rinverdire la propria tradizione e la propria immagine. L’annuncio è stato dato congiuntamente da Alejandro Agag, fondatore e presidente di Formula E, e da Davide Grasso, amministratore delegato di Maserati.

    Maserati Formula E
    La prima con il Tricolore

    Maserati è il primo marchio italiano ad entrare in Formula E e lo farà dalla prossima stagione. Sarà la numero 9 per il campionato mondiale delle monoposto elettriche e quella del debutto della Gen3. Le auto saranno più leggere (780 kg contro 780 kg), più potenti (350 kW contro 250 kW) e un rapporto peso/potenza di 2,2 kg/kW (-38%).

    Leggi l’articolo sulla Formula E a Roma e sulla Gen3

    Maserati
    L’avvento con la Gen3

    La batteria sarà più piccola (da 54 a 49 kWh) e ci sarà il rifornimento in gara. I motogeneratori diventeranno due. Quello anteriore sarà standard e avrà solo funzione di recupero fino a 250 kW e di 600 kW con quello posteriore. Quest’ultimo invece essere scelto a discrezione dal team e in gara avrà 300 kW.

    Maserati MC20 Folgore
    Da corsa e stradale “Folgorate”

    E proprio su team, motore e piloti non è stato fatto alcun annuncio. Per il powertrain è probabile la condivisione con DS anche perché Maserati per le competizioni farà capo a Stellantis Motorsport, condotta da Jean-Marc Finot. Per la gestione in pista, non si sa darà diretta o demandata, probabile che il nome del team e della vettura sarà Folgore.

    Maserati MC20 Folgore
    Saranno tutte elettriche

    La scelta è praticamente obbligata visto che si chiameranno così tutte le Maserati elettriche. Tutti i modelli futuri infatti avranno una versione a batteria, a cominciare dalla supersportiva MC20. La prima elettrica sarà la GranTurismo, poi il suv Grecale, e la GranCabrio. Intanto la Ghibli e la Levante sono già diventate mild-hybrid.

    Maserati Grecale
    Carburo di silicio e 800 Volt

    Le Maserati elettriche utilizzeranno un powertrain ZF con inverter a carburo di silicio e avranno un’architettura a 800 Volt. Le batterie saranno costruite dalla Maserati stessa a Torino. La MC20 Folgore sarà più potente della versione a benzina (621 cv), avrà 3 motori (uno anteriore e due posteriori) e potrà essere ricaricata fino a 300 kW.

    Maserati MC20
    Un fulmine atteso

    Il ritorno della Maserati nelle competizioni è un bel segnale per gli appassionati e anche per la Formula E che, dopo la perdita secca di Audi, BMW e Mercedes, finalmente saluta un nuovo arrivo. Non si tratta di un fulmine a ciel sereno. Da tempo infatti si rincorrevano voci sull’arrivo del Tridente in uno dei 5 campionati mondiali FIA.

    Maserati 26
    Non solo Formula E

    Il comunicato di Maserati parla di “primo passo della sua strategia dedicata al motorsport”. Dunque potrebbe impegnarsi in altre categorie. Gli indizi portano al nuovo campionato FIA Electric GT previsto per il 2023. L’ideale per una MC20 Folgore e una casa che tra il 2004 e il 2010 ha vinto 22 gare e complessivi 14 titoli nel GT con la MC12.

    Fia Electric GT
    Ridare la scossa alla storia

    Quanto alla storia, speriamo che venga confermata. Quando la prima Maserati Tipo 26 debuttò alla Targa Florio del 1926, guidata da Alfieri Maserati, vinse subito nella classe fino a 1,5 litri. La Maserati ha vinto nel 1957 un campionato di Formula 1 con Juan Manuel Fangio ed è l’unico costruttore italiano ad aver vinto la 500 miglia di Indianapolis: nel 1939 e nel 1940 con la 8CTF guidata dall’americano Wilbur Shaw.

    Maserati 8CTF
  • 24 ORE DI LE MANS A IDROGENO ENTRO IL 2024

    Con la GreenGT LMPH2G Mission H24, l’idrogeno potrebbe a arrivare a Le Mans entro il 2024

    Dopo l’ibrido e l’elettrico, potrebbe essere il turno dell’idrogeno nelle corse e tutti i campi dell’elettrificazione sarebbero applicati anche nelle competizioni.

    A riuscire in questa impresa potrebbe essere la 24 Ore di Le Mans nel 2024. L’ACO – l’Automobile Club de L’Ouest, che organizza la leggendaria corsa francese, ha infatti annunciato che per quell’anno potranno essere schierate auto alimentate con il più puro e pulito dei combustibili.

    Mission H24

    E che non sia una boutade lo dimostra il fatto che l’ACO sia già passata ai fatti. Ha ricevuto il patrocinio della Commissione francese per le Energie Atomica e Alternative e ha incaricato la GreenGT di realizzare un prototipo perfettamente marciante denominato LMPH2G Mission H24. Lo shakedown – così si chiama quando una vettura di corsa scende per la prima volta in posta – è avvenuto il 22 settembre scorso sul circuito belga di Spa-Francorchamps con Yannick Dalmas, uno che nella sua carriera ha conquistato 4 edizioni della 24 Ore di Le Mans (1992, ’94, ’95 e ‘99) e ha disputato 49 Gran Premi di Formula 1.

    Il pilota ha compiuto qualche giro e ha provato anche un rifornimento che, come per le auto ad idrogeno stradali più avanzate, avviene in 3 minuti a 700 bar.

    Per costruire LMPH2G Mission H24 si è partiti dal telaio di una LMP3 – una classe che partecipa alla ELMS, il campionato europeo di durata – togliendo il V8 Nissan da 420 cv. Al suo posto ci sono lo stack costituito da 230 celle e 4 motori elettrici (2 per ogni ruota posteriore) che girano fino a 13.000 giri/min ed erogano da 250 a 480 kW complessivi. Il compressore per l’aria è posizionato in corrispondenza dell’airscope e gira fino a 100.000 giri/min mentre i serbatoi sono tre: uno alle spalle del pilota e due ai lati per un totale di 8,6 kg di idrogeno. La batteria tampone a 750 Volt è agli ioni di litio, ha una capacità di 2,4 kWh ed è capace di erogare una potenza continua di 250 kW per 20 secondi mentre lo scarico avviene in corrispondenza dell’estrattore posteriore.

    Com’è noto, l’unico prodotto delle auto a idrogeno è acqua e, per ricordo, quella della LMPH2G è stata messa in piccole bottiglie etichettate come “Eau de Voiture”. Si tratta della prima acqua prodotta da un’auto da corsa.

    Il prototipo Mission H24 con la bottiglietta di “Eau de Voiture” raccolta allo scarico

    Il prototipo pesa ancora troppo per un’auto da corsa (1.420 kg), ma ha prestazioni ragguardevoli – oltre 300 km/h, 0-100 km/h in 3,4 s. e 400 metri da fermo in 11 s – e la 24 Ore di Le Mans è sicuramente una grande vetrina che ha da sempre promosso l’innovazione.

    Mission H24 in pista

    Dal 2012 dominano le auto ibride e nel futuro, quella della doppia motorizzazione sarà l’unica forma di propulsione ammessa per le auto ufficiali. Nel 2013 e nel 2014 ha anche permesso la partecipazione di auto fuori regolamento come la Nissan Zeod RC provvista di un sistema ibrido di serie molto sofisticato. Resta da vedere ora quali case potrebbero essere interessate a buttarsi nelle corse ad idrogeno tra quelle che lo promuovo di più come Toyota, Honda, Hyundai e Mercedes.