fbpx
  • Attacco ai Suv, ci risiamo – Il ruggito

    Di Mario Cianflone – Giornalista del Sole 24 ore

    A volte ritornano e ora sta scoppiando una nuova guerra ai Suv.

    Avvisaglie a settembre

    Le avvisaglie del nuovo attacco ai Suv le avevamo già sentite a settembre, nei giorni del salone di Francoforte, con attivisti ambientalisti in piazza. Manifestazioni green che da sempre ricordano quelle pilotate nei lontani anni ’80 da mamma Urss nella Germania Ovest e in mezza Europa contro gli euromissili.

    Cosa sta succedendo?

    Semplice: i movimenti culturali e di opinione aderenti al gretismo mondiale ora strillano contro i Suv accusati di essere brutti, sporchi e cattivi. Un copione gia visto tanti anni fa. Peccato che ora i cosiddetti Suv siano la tipologia di auto più venduta, che pesa sui volumi per circa il 40% delle immatricolazioni i molti paesi.

    Lo studio della IEA

    Nei giorni scorsi numerosi media online riportavamo un “magnifico” studio dell’Agenzia internazionale dell’energia secondo il quale

    l’aumento della domanda di SUV sarebbe stato dal 2010 al 2018 il secondo maggior responsabile dell’incremento delle emissioni globali di CO2.

    I numerosi articoli si guardavano bene dallo spiegare cosa siano i Suv (ed è una categoria molto variegata ed eterogenea). Inoltre si tratta di un’anticipazione di uno studio che sarà pubblicato il 13 novembre.

    Attendiamo i dati ma abbiamo il sospetto che si tratti di una mossa per attaccare l’industria dell’auto con numeri ben confezionati per fare i titoloni contro il cattivo Suv di turno.

    Dopo il Diesel, attacco ai Suv

    Dopo le bordate contro diesel (motore efficiente che ha pagato le colpe dei trucchi di alcuni furbastri) è in arrivo una nuova cannonata.

    E nei friday for future già immaginiamo le proteste contro i Suv indipendentemente dal fatto che siano piccoli, grandi o enormi, ibridi o elettrici.

    Il gretismo mondiale ora ha un nuovo nemico facile da colpire: il Suv che nell’immaginario collettivo è macchina dei cattivi. Ma è solo una scusa per colpire tutta l’industria dell’auto. Appuntamento al 13 novembre

  • Gretismo mondiale – Il Ruggito

    Di Mario Cianflone – Giornalista del Sole 24 Ore
    È tornata la caccia alle streghe. E questa volta le streghe sono le automobili imputate, a torto, di gran parte del mali ambientali del mondo.
    E non importa se le auto sono pulite o pulitissime, con motore convenzionale o con powertrain ibrido oppure elettriche.
    Sono le macchine tout court, anzi quelle private che sono odiate da alcune associazioni green e antismog (come se qualcuno potesse essere a favore delle smog). Sulla pagina di Facebook di una di queste associazioni ci sono post “meravigliosi”: città verdi con auto robot elettriche che si guidano da sole e sono rigorosamente pubbliche e condivise.
    Evidentemente alcuni sognano il ritorno in chiave green del socialismo reale.
    Città per pochi e per ricchi
    Città ovviamente per pochi e per ricchi, stile quartiere bosco verticale di Milano.
    In altri post poi si vedono pure critiche all’auto elettrica con fotomontaggi dove si fa vedere che il traffico (giustamente) non si ridurrà con le auto a batteria.Allora qual è la soluzione per questi estremisti dell’ecologia?
    Dagli all’auto privata
    Eliminare l’auto privata. Tutti a piedi o con il robotaxi. 
    Il Gretismo mondiale
    Del resto sulla protezione dell’ambiente in questi giorni abbiamo assistito a un’isteria collettiva e non non ci può aspettare equità dalle piazze urlanti del Gretismo mondiale, con manifestazioni per l’ambiente organizzate non si sa bene con i soldi di chi. 
    E il sospetto forte è che in pochi ormai si ricordano la fotosintesi clorofilliana e sanno cosa è la CO2. Ma intanto lanciano strali sulla fine del mondo imminente  per colpa in gran parte dell’auto.
    Il Gretismo mondiale rischia di fare molti danni, anche alla libertà di muoversi.