fbpx
  • Per l’Europa la neutralità climatica è un affare. McKinsey prevede 28 mila miliardi di investimenti e 5 milioni di posti di lavoro in più

    Se prima erano sensazioni, adesso sono numeri. Imboccare la strada che porta alla neutralità climatica in Europa conviene.

    L’investimento richiesto è di ventotto mila miliardi di euro da qui al 2050, ma sarà capace di generare riduzioni dei costi operativi per 260 milioni di euro l’anno, pari all’1,5% del Pil.

    E, soprattutto, ben cinque milioni di posti di lavoro in più rispetto alla situazione precedente.

    Neutralità climatica CO2 esagoni

    Percorso virtuoso

    L’analisi della McKinsey identifica un percorso ottimizzato dal punto di vista dei costi per la riduzione del 55% entro il 2030 delle emissioni di CO2 in Europa rispetto al livello del 1990 per arrivare entro il 2050 a zero emissioni nette di CO2.

    Il percorso che porta alla decarbonizzazione dell’Europa per i 27 paesi dell’Unione può portare ampi vantaggi economici, inclusa la crescita del Pil, una riduzione del costo della vita e la creazione di posti di lavoro.

    Copertina McKinsey Net zero Europe

    La strada da percorrere per arrivare a questi risultati virtuosi però è molta. Nel 2017 le emissioni di EU-27 sono state di 3,9 Gt di CO2 equivalente.

    Possibile leadership

    Questo valore equivale a soltanto il 7% delle emissioni globali di gas serra, il suo azzeramento, quindi, non è si per sé decisivo per il clima. Ma avrebbe certamente un effetto trainante per il resto del mondo.

    Oltre a candidare l’UE alla leadership tecnologica nel settore, davanti a Stati Uniti, Cina e tigri del sud-est asiatico.

    Taglio emissioni Europa 2020-2050

    Cinque settori

    Cinque settori sono protagonisti delle emissioni di gas serra in Europa, arrotondando i valori il quadro è il seguente:

    • Trasporti 27%;
    • Industria 25%;
    • Energia 22%;
    • Immobili 13%;
    • Agricoltura 13%.

    La combustione dei combustibili fossili è la maggiore responsabile delle emissioni, con l’80% del totale.

    Emissioni Europa per settore

    Energia a zero emissioni negli anni 2040

    La produzione di energia elettrica a da eolico e solare è già sufficientemente competitiva. Il settore energetico può essere il più veloce nella decarbonizzazione e raggiungere le zero emissioni nette entro la metà degli anni 2040.

    energia verde fotovoltaico eolico

    Saranno molti i settori a passare ad elettricità e idrogeno verde, richiedendo nuova capacità produttiva e permettendo al contempo di velocizzare l’economia di scala delle tecnologie e la loro innovazione.

    Trasporti a zero emissioni entro il 2045

    Le auto elettriche e ad elevata elettrificazione stanno già entrando in maniera crescente sul mercato europeo. Ci vorranno però alcune decine di anni per arrivare al 100% delle vendite di auto a zero emissioni e a una catena di fornitura matura (dalle materie prime alla produzione in grande serie delle batterie).

    Più difficile la soluzione per aerei e navi, che dovranno adottare diverse soluzioni energetiche e altri vettori dall’ammoniaca, ai biocombustibili, ai combustibili sintetici.

    Immobili a zero emissioni alla fine degli anni 2040

    Le tecnologie per la decarbonizzazione degli edifici sono già largamente disponibili. Il rinnovo di gran parte dell’enorme patrimonio immobiliare europeo, comunque, è un’impresa titanica. L’utilizzo di risorse rinnovabili è soltanto al 35% oggi e anche l’utilizzo del gas necessita di scendere almeno del 50%. Le emissioni zero nette non arriveranno prima della fine degli anni 2040.

    Grattacieli e cielo

    Industria a zero emissioni nel 2050

    Il settore industriale è il più costoso da decarbonizzare e l’abbattimento completo delle emissioni necessita di soluzioni tecnologiche che sono ancora in fase di sviluppo. Anche nel 2050 si prevede che l’industria continui a generare delle emissioni, perlomeno nel settore della gestione dei rifiuti e delle lavorazioni pesanti, che andranno quindi compensate adeguatamente.

    Agricoltura anche nel 2050 necessiterà di compensazioni

    Le emissioni agricole possono essere decisamente abbassate con soluzioni di coltivazione più efficienti e sostenibili. Ma si tratta del settore nel quale il raggiungimento delle zero emissioni è il più difficile da raggiungere e non può certo essere centrato senza cambiamenti significativi nel consumo della carne o salti tecnologici oggi non prevedibili. Nel 2050, secondo il modello sviluppato dalla McKinsey, necessiterà ancora di importanti compensazioni della CO2 equivalente emessa.

    Riduziine emissioni Europa per settore neutralità 2050

    Conto economico

    L’investimento calcolato per il raggiungimento delle zero emissioni nette entro il 2050 in Europa è di 28 mila miliardi di euro, spesi per lo sviluppo e l’adozione di tecnologie pulite e nuove tecniche.

    Una media di 800 milioni di euro l’anno per i prossimi trent’anni, che potranno arrivare dall’indirizzo in questa direzione di capitali che sarebbero stati spesi per finanziare tecnologie ad elevate emissioni.

    Serve il 25% degli investimenti attuali

    La cifra è tutt’altro che impossibile ed equivale a circa il 25% degli attuali investimenti di capitale nell’Unione Europea. Calcolabile anche come il 4% del Pil dell’UE. Con i portatori di interessi che saranno chiamati ad investire 5,4 mila miliardi di euro aggiuntivi in direzione di tecnologie e tecniche a zero emissioni.

    Riduzioni di costo

    Tra il 2021 e il 2050, grazie agli investimenti fatti in nuove soluzioni tecnologiche, il costo operativo dell’intero sistema europeo costerà però mediamente ben 130 milioni di euro in meno. Entro il 2050 questa riduzione dei costi operativi arriverà a 260 milioni di euro l’anno, equivalenti a oltre l’1,5% del Pil attuale dell’UE.

    La maggior parte di questi risparmi saranno nel sistema dei trasporti.

    Investimenti richiesti in Europa per neutralità climatica 2050

    Posti di lavoro

    La transizione verso le zero emissioni creerà, secondo l’analisi della McKinsey, ben 11 milioni di nuovi posti di lavoro in Europa. Il cambiamento tecnologico farà perdere però circa 6 milioni di posti di lavoro in settori resi via via obsoleti. Il risultato saranno perciò 5 milioni di posti di lavoro aggiuntivi rispetto al livello attuale.

    1,54 milioni di posti di lavoro in più saranno nelle energie rinnovabili, 1,13 milioni in agricoltura, 1,1 milioni nel settore edilizio, principalmente nel settore dell’efficientamento energetico degli edifici e dei nuovi sistemi di climatizzazione e cottura con energia verde.

    Formazione continua

    Il raggiungimento delle zero emissioni nette entro il 2050 richiede di offrire nuovi corsi di formazione ad almeno 18 milioni di lavoratori, specialmente per lavori che attualmente non esistono (3,4 milioni entro il 2050), oppure per ricollocare personale che ha perso il lavoro (2,1 milioni entro il 2050).

    Clicca qui per leggere il report originale completo della McKinsey.

  • Ecco la verità sulle batterie del futuro

     

    Le batterie al litio sono all’inizio della loro storia in campo automobilistico. Ma questo non significa che non ne vedremo delle belle.

    A sfidarsi sono ora il miglioramento della tecnologia attuale agli ioni di litio e la nascita di tecnologie alternative. Facendo un rapido conto arriviamo rapidamente a mille miliardi di investimento nei prossimi cinque anni nel mondo su questa tecnologia.

    Clicca qui e LEGGI l’articolo con tutti i dettagli della mia analisi sulle tecnologie per i prossimi dieci anni.

  • Lezione Porsche sul futuro elettrico meno utili oggi per guadagnare domani

    La lezione Porsche sul futuro elettrico

    Bisogna saper guadagnare meno oggi per fronteggiare il presente e preparare il domani.

    È questa la lezione Porsche sul futuro elettrico, già visibile oggi considerando che la casa che ha appena presentato un bilancio da favola: 256.255 unità vendute (+4,5%), un fatturato di 25,8 miliardi (+10%), un Ebit di 4,3 mld (+4%) che però scende dal 17,6% al 16,6%.

    A erodere i guadagni di Zuffenahausen sono state loro, le emissioni. Ovvero i costi per aggiornare le auto ai nuovi standard Euro6D-temp e per finanziare i 6 miliardi di investimenti previsti entro nel quinquennio 2018-2022 per il processo di elettrificazione della gamma.

    E alla Porsche è andata assai meglio che ad altri marchi nobili: Audi nel 2018 ha speso 1,1 miliardi solo per aggiornare – e solo in parte – la propria gamma e, aggiunti agli 1,2 miliardi di euro per multe, hanno tagliato l’Ebit dal 7,9% al 6%. Anche BMW ha visto l’Ebit del settore auto contrarsi al 7,2% rispetto al 9,2% dell’anno precedente, sempre per aggiornare i propri motori e per sostenere gli ingenti investimenti.

    Entrambe hanno già annunciato piani di risparmio per 14-15 miliardi di dollari, anche perché fanno paura le sanzioni previste per chi nel 2021 supererà i 95 g/km di emissioni di flotta.

    Meno utili oggi per guadagnare domani

    Ci vogliono dunque soldi, e tanti, per fronteggiare il futuro da sostenere con margini alti e flussi di cassa robusti. Una sorta di nemesi finanziaria per chi negli scorsi anni ha messo a segno guadagni notevoli e ora li vede ridurre per una questione strutturale: le auto premium e sportive.

    Consumano ed emettono di più però, allo stesso tempo, la potenza dei loro brand può rendere meno problematico il trasferimento sul prezzo al pubblico di tutti i costi che la riduzione delle emissioni comporta

    Per questo, parlando di marketing, è assai meno complesso pensare a una Porsche elettrica rispetto – ad esempio – ad una Fiat.

    I piani della Cavallina sono massicci e mirano a elettrificare metà delle vendite entro il 2025.

    modelli elettrici Porsche in arrivo

    La lezione Porsche sul futuro elettrico è fatta di un piano di lancio di nuovi modelli ancora una volta impressionante.

    Quest’anno si comincia con la Porsche Taycan elettrica, coupé 4 porte con due motori e 440 kW che sarà la prima auto a poter essere ricaricata a 350 kW e 800 Volt con un’autonomia di 500 km. Si prevedeva di produrne a Lipsia 20mila unità all’anno, ma i volumi raddoppieranno.

    Il secondo modello elettrico sarà la Porsche Macan e sarà basata sulla piattaforma PPE studiata in collaborazione con Audi. (Clicca qui e LEGGI l’articolo Porsche Macan la prossima generazione sarà elettrica)

    La Porsche ha fatto sapere che, parallelamente, continuerà a vivere anche la Macan a benzina, ma se non sarà almeno ibrida sarà un’auto sostanzialmente diversa visto che la PPE può accogliere solo la propulsione elettrificata.

    La nuova Porsche 911 “992” è già pronta per l’ibrido plug-in che c’è già sulla Porsche Cayenne e sulla Porsche Panamera, in quest’ultimo caso in due versioni, una da ben 680 cavalli.

    Giusto per ribadire che la Porsche rimarrà tale anche per gli anni a venire. Ma per fare questo anche lei avrà bisogno di tutto il denaro che negli anni ha dimostrato di saper guadagnare pur fronteggiando un vertiginoso aumento dei volumi e dei modelli in gamma.

    L’ultima arrivata è la Porsche Cayenne Coupé: al lancio non è ancora elettrificata, ma è solo una questione di tempo.

    Quello che alla Porsche non può fare certo paura. (Clicca qui LEGGI articolo con VIDEO Auto elettrica rivoluzione senza istruzioni per l’uso)