fbpx

Coronavirus, Jaguar Land Rover produce visiere e aiuta la Croce Rossa

Jaguar Land Rover risponde alla “chiamata alla armi” indetta dalle istituzioni internazionali e in particolare modo dal governo britannico nella “guerra” contro il nemico invisibile Covid-19. La casa automobilistica riconvertirà la sua produzione di prototipi per fornire visiere facciali protettive agli operatori sanitari essenziali grazie alla sua esperienza nella progettazione CAD, rispondendo così alla richiesta governativa di materiali necessari a combattere il Coronavirus.

Il progetto

Il progetto di questa visiera, la sola riutilizzabile di questo tipo approvata dal NHS, è stato sviluppato con la consulenza di un team di professionisti del Servizio Sanitario, per poter stampare rapidamente i prototipi presso l’Advanced Product Creation Centre di Gaydon, uno degli impianti di stampa 3D più avanzati d’Europa. 

Data la carenza a livello nazionale di equipaggiamenti per la protezione personale degli operatori del NHS impegnati in prima linea contro il Covid-19, molti di loro hanno riportato danni indossando equipaggiamenti inadatti per molte ore o lavorando senza protezione. Con la collaborazione di aziende come la Pro2Pro di Telford, si mira a produrre 5.000 visiere a settimana per i distaccamenti NHS in tutto il Paese. 

Jaguar Land River produzione visiere Coronavirus

Prove di esemplari preproduzione sono state svolte con i professionisti del Great Western Hospitals NHS Foundation Trust e del South Warwickshire NHS Foundation Trust, prima di iniziare l’assemblaggio presso la Jaguar Land Rover nel Warwickshire, lo scorso 31 marzo. 

La rapidità nella preparazione dei prototipi ha consentito agli ingegneri di lavorare in meno di una settimana su numerose varianti, ottenendo così il feedback dei medici, necessario per procedere ai perfezionamenti del prodotto.  Ogni visiera è riutilizzabile, e può essere facilmente smontata e pulita per un nuovo uso; si mettono così al riparo i distaccamenti del NHS da eventuali nuove future carenze di materiale.  

Lavoro di squadra per superare l’emergenza

«È stato una vero lavoro di squadra, abbiamo provato diversi materiali ed abbiamo migliorato varie volte il progetto consultandoci con medici e infermieri in prima linea – e questo ci ha consentito di creare qualcosa di unico e adatto allo scopo – ha detto Ben Wilson, Additive Manufacturing and Prototype design manager di Jaguar Land Rover -. Questo è un piccolo contributo, ma è vitale che ognuno di noi faccia il possibile con le risorse in suo possesso. I team di Jaguar Land Rover, con la più ampia comunità del design CAD e della stampa in 3D continueranno a fare il massimo per aiutare gli operatori sanitari». Lo schermo trasparente è in policarbonato chimicamente resistente, lavorato dalla RGH Rubber Limited con una multi-taglierina. L’imbracatura della visiera è stata oggetto di particolare cura, ed è stata creata usando la sinterizzazione laser, la fusione a getto e la modellazione a deposizione fusa; può essere indossata in pieno comfort e sicurezza per molte ore dagli operatori. Un elastico di sicurezza fornito dalla Beacon Trimmings di Coventry mantiene la visiera in posizione e può essere facilmente sostituito per evitare contaminazioni. Le visiere sono assemblate da una piccola squadra di quattro impiegati Land Rover in un’area   dedicata.  Severe procedure garantiscono che non esista rischio di contaminazione prima che le visiere completate lascino il sito.    

Jaguar Land Rover lavora in stretto contatto col governo britannico, mettendo a disposizione l’esperienza ingegneristica e di ricerca dell’azienda, inclusi il digital engineering, il design, la stampa di modelli 3D e di prototipi, l’apprendimento automatico, l’intelligenza artificiale e il data science. All’interno di un consorzio, Jaguar Land Rover supporta anche i produttori di vitali apparecchiature per la ventilazione.

Il supporto alla Croce Rossa

Il brand è inoltre  al fianco della IFRC, la Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa da più di 65 anni, finanziando i progetti di preparazione alle emergenze e i relativi interventi in tutto il mondo. In Italia, la collaborazione con Croce Rossa Italiana prosegue da oltre dieci anni a sostegno di progetti di solidarietà verso le categorie più fragili e vulnerabili . 

Jaguar Land River Coronavirus Croce Rossa

Land Rover è infatti membro della Disaster Relief Alliance, che aiuta la Croce Rossa a preparare le comunità alle emergenze, fornisce aiuti durante le crisi, e sostiene la ripresa. Sono già state donate 200.000 sterline per la lotta al Covid-19. Oltre 160 veicoli sono stati ora messi a disposizione delle organizzazioni che gestiscono servizi di emergenza in tutto il mondo 57 veicoli inclusi 27 nuove Defender del parco stampa sono da oggi in servizio con la Croce Rossa Britannica per portare cibo e medicine alle persone più vulnerabili del Regno Unito, inclusi gli anziani Altri 65 veicoli sono stati assegnati alle organizzazioni della Croce Rossa in Australia, Spagna, Sudafrica e Francia. 

L’operatività sul territorio

La divisione italiana di Jaguar Land Rover, cogliendo una necessità espressa dalla Croce Rossa Italiana, ha reso disponibile una piccola flotta di vetture che saranno utilizzate da parte delle unità SAPR (Sistemi Aeromobile a Pilotaggio Remoto) impiegate per rispondere all’emergenza Covid-19. I droni della Croce Rossa Italiana, utilizzati storicamente per le attività di ricerca e soccorso (SAR), grazie al ruolo svolto nelle emergenze nazionali e internazionali sono stati infatti equiparati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ad aeromobili di Stato, così che possano operare in qualunque scenario di emergenza. 

La natura stessa dell’emergenza in corso costringe a cercare soluzioni innovative per sostenere la popolazione, per questo la flotta di droni della CRI è già stata preparata con dotazioni tecnologiche in grado di garantire interventi a supporto delle attività dei soccorritori come il monitoraggio degli scenari operativi, per raggiungere la popolazione in aree altrimenti inaccessibili, per intervenire tempestivamente in caso di necessità.  

In particolare le unità SAPR della CRI sono state predisposte per la comunicazione alla popolazione su salute e sicurezza tramite speakers installati sui droni; lo screening aereo per individuare assembramenti e ridurre il rischio di contagio;  controllo della temperatura corporea a distanza di sicurezza per gli operatori; la sanificazione tramite irrorazione aerea di aree a rischio (triage, ospedali da campo, tendostrutture); la consegna di materiale sanitario urgente tra cui mascherine, dispositivi medici, tamponi e, dove necessario, defibrillatori. I mezzi resi disponibili da Jaguar Land Rover a sostegno dell’iniziativa, saranno inizialmente utilizzati da CRI in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio per poi essere trasferiti nel caso intervengano diverse necessità in altre regioni.

Tra i veicoli Land Rover messi a disposizione della Croce Rossa Italiana, ci sarà, a breve, anche la nuova Defender: la vettura con un “cuore”, simbolo di solidarietà per eccellenza. L’iconico modello Land Rover, infatti, è stato da sempre utilizzato per attività umanitarie a supporto delle popolazioni più fragili, dislocate in luoghi impervi e difficili da raggiungere. Un ulteriore piccolo supporto alla CRI si è concretizzato attraverso una donazione effettuata da parte dei dipendenti di Jaguar Land Rover Italia che, con questo gesto di solidarietà, hanno potuto esprimere la loro partecipazione alla grave crisi che stiamo affrontando. 

Daniele Maver, Jaguar Land Rover Italia

«Essere al fianco di Croce Rossa Italiana in questo momento di drammatica emergenza sanitaria Covid-19, è innanzitutto un dovere, ma anche una grande opportunità per poter contribuire, insieme a tantissimi altri, a fare qualcosa per il proprio paese, perché possa tornare presto a rialzarsi, sicuramente cambiato, ma più fiero e forte di prima – ha detto Daniele Maver, presidente Jaguar Land Rover Italia – . Poter dare il nostro supporto alla Croce Rossa Italiana, con cui collaboriamo da anni, ai suoi uomini e donne straordinari, ai suoi volontari – tutti eroi sempre in prima linea senza mai risparmiarsi – è motivo di sincero orgoglio per me, la mia Azienda e per tutti i nostri dipendenti che, nel loro piccolo, sono stati fieri di poter contribuire in questa situazione di straordinaria emergenza». Insieme, Land Rover e la Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa si impegnano a fornire alle comunità vulnerabili conoscenze e supporto, indipendentemente dalla nazionalità e dalla collocazione geografica.  Land Rover e IFRC supportano i progetti di preparazione e risposta alle calamità in tutto il mondo, ed attualmente in Australia, India, Italia, Messico, UK e USA.