fbpx

Nissan Leaf, raggiunto il traguardo del mezzo milione di unità vendute

La Nissan Leaf raggiunge mezzo milione di unità vendute. Un traguardo invidiabile annunciato in occasione del World EV Day e della consegna dell’esemplare numero 500.000 alla cliente norvegese Maria Jansen. Un traguardo arrivato dopo quasi 11 anni dalla prima presentazione della prima Leaf avvenuto in occasione dell’inaugurazione del nuovo quartier generale di Nissan a Yokohama.

Nissan Leaf
Le speranze e i fatti

L’allora CEO e presidente Carlos Ghosn annunciò, tra lo scetticismo generale, che nel 2020 il 5% delle auto vendute sarebbe state elettrico. Secondo le statistiche, nel mondo siamo al 2,5% e in Italia all’1,6%. Siamo ben lontani dalla Norvegia dove l’incidenza delle auto elettriche è al 48%, ma l’accelerazione c’è ed è evidente. In agosto infatti nel paese nordico tale percentuale è stata del 52,8% e in Italia del 2,1% con un aumento del 108% rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

L’allora CEO e presidente Carlos Ghosn annunciò, tra lo scetticismo generale, che nel 2020 il 5% delle auto vendute sarebbe state elettrico. Secondo le statistiche, nel mondo siamo al 2,5% e in Italia all’1,6%

Nissan Leaf
Un prodotto globale

La Nissan Leaf numero 500.000 viene da Sunderland (Regno Unito) dove ne sono state prodotte 175mila dal 2013. Di queste, 5.700 circolano in Italia, 787 targate nei primi 8 mesi dell’anno, il 37% in più. Le previsioni di Nissan Italia parlavano di 2.150 pezzi per il 2020. Apparentemente siamo in ritardo, ma con i nuovi incentivi in campo potrebbe esserci una forte accelerazione negli ultimi 4 mesi del calendario. La Leaf è prodotta anche a Oppama (Giappone) e a Smyrna (Tennessee, USA).

La strada, maestra di vita

L’altro grande patrimonio della Leaf sono i clienti e l’esperienza raccolta su strada: oltre 14,8 miliardi di chilometri complessivi. Essere partiti prima significa anche e soprattutto questo. Si calcola che l’elettrica giapponese abbia risparmiato all’atmosfera 2,4 milioni di tonnellate di CO2. A livello di critica, occorre ricordare che la Leaf ha vinto il titolo di “Auto dell’Anno” in Giappone, in Europa e nel mondo. È inoltre una delle tre vetture ad aver avuto le 5 stelle del Green NCAP.

Nissan Leaf Green NCAP

Leggi a che cosa serve e come funziona il Green NCAP

L’altro grande patrimonio della Leaf sono i clienti e l’esperienza raccolta su strada: oltre 14,8 miliardi di chilometri complessivi. Essere partiti prima significa anche e soprattutto questo

Il progresso negli anni

Al debutto, la Leaf aveva un motore da 80 kW e una batteria da 24 kWh per un’autonomia di 175 km (NEDC). Con gli aggiornamenti al software si è arrivati a 199 km, con la versione dotata di batteria da 30 kWh si è arrivati a 250 km. La seconda generazione, presentata nel 2017, ha un motore da 110 kW (+37%( una batteria da 40 kWh e 270 km di autonomia nel più veritiero ciclo WLTP. L’ultima versione e+ ha un motore da 160 kW e una batteria da 62 kWh per un raggio d’azione di 385 km (WLTP).

Nissan Leaf

Leggi la prova su strada della Nissan Leaf e+

Al debutto, la Leaf aveva un motore da 80 kW e una batteria da 24 kWh per un’autonomia di 175 km (NEDC) (…) L’ultima versione e+ ha un motore da 160 kW e una batteria da 62 kWh per un raggio d’azione di 385 km (WLTP)

Più tecnologia, più valore

Il progresso dunque è palese e si vede anche sul prezzo. La prima Leaf costava 35mila euro, oggi si parte da 36.700 euro con una batteria quasi raddoppiata, prestazioni superiori e un carico di tecnologia per la sicurezza in più. Una valutazione che, ponderata con gli anni, porta a dire che la Leaf attuale costa molto meno della prima. Anzi, si potrebbe dire che anche la e+ (da 40.500 euro) costa meno, ma con il doppio della potenza è una batteria che ha una capacità tre volte e mezza.

Tanto elettrico, pochi modelli

Negli anni Nissan ha affiancato alla Leaf solo la e-NV200, un piccolo commerciale. Il prossimo passo è l’Aryia, primo Suv elettrico, previsto per il 2021. Entro il 2023 per l’Europa ci sarà almeno un’altra elettrica, un modello dotato di propulsione e-power (ibrido in serie) e un ibrido plug-in. Per quella data, l’obiettivo è vendere il 50% delle proprie auto elettrificate. Nel mondo, i veicoli elettrici saranno invece 8, 12 compreso il marchio Infiniti che, come è noto, non è più venduto in Europa.

Nissan Ariya